Prenota +39 0471 849527

La Prima Guerra Mondiale nelle Dolomiti

La Prima Guerra Mondiale fu il primo conflitto globale con armi, tecnologie ed equipaggiamenti moderni. Allo stesso tempo rappresentò un trauma profondo per tutti i popoli europei. Lo fu in modo particolare anche per i Ladini, per i Sudtirolesi e per tutti gli abitanti delle Dolomiti.

Scopri di più

Sulle tracce della Prima Guerra Mondiale

Tra gallerie, trincee e storie indelebili di dolore e sofferenza

La guerra sul fronte dolomitico iniziò nel 1915 con la dichiarazione di guerra dell’Italia all’Austria-Ungheria, un anno dopo l’inizio del conflitto nel resto d’Europa. Si rivelò subito una guerra di trincea e logoramento, bloccata per tre lunghi anni su quello che era allora il confine tra Italia e Austria, corrispondente più o meno al confine odierno tra Alto Adige e Veneto. Il fronte consisteva di forti, fortini, postazioni fortificate sui passi e sulle montagne, otre a centinaia di chilometri di trincee e gallerie scavate a mano da entrambi gli schieramenti. Venne chiamata la guerra “tra rocce e ghiacci”, anche a causa degli inverni particolarmente lunghi e nevosi che contraddistinsero quei tristi anni. L’inverno 1915/1916 fu il più mortale, durante il quale fecero più morti il freddo e le valanghe dei mortai e dei fucili. Particolarmente tragiche furono due valanghe sulla Marmaloda e nella Val di Landro, sotto ognuna delle quali perirono quasi 300 persone. La guerra finì nel 1918 e dopo oltre 1.000 anni di storia comune l’Alto Adige e il Trentino vennero smembrati dal resto del Tirolo e divennero parte del Regno d’Italia.

1/1

La guerra sul fronte dolomitico ha lasciato tracce importanti e indelebili anche tra le montagne intorno al Camping Sass Dlacia. Il passo Valparola è una base di partenza ideale per visitare i luoghi del conflitto, a partire dal museo della Grande Guerra “Forte Tre Sassi”, ricavato da un fortino austriaco rinnovato dal nome ladino “Intrá i Sas” (tra le montagne), andato distrutto nei primi giorni del conflitto. Da qui si diramano numerosi percorsi, che si accompagnano spesso e volentieri a resti ben visibili di trincee, nonché di postazioni in parte anche ristrutturate, oltre a chilometri e chilometri di gallerie che attraversano le montagne, alcune delle quali tuttora percorribili. Il forte si trova tra il Sas de Stria, anche esso perforato da numerose trincee e gallerie percorribili, e la postazione Edelweiss, ben ristrutturata e facilmente visitabile. Da qui si può seguire la linea del fronte del Setsas / Settsass fino al Col di Lana, la cui vetta fu fatta saltare in aria da 5 tonnellate di dinamite, che causarono la morte di circa 150 soldati austriaci che erano appostati sulla cima. L’altro versante del passo Valparola e del passo Falzarego, invece, è occupato dal monte Lagació / Lagazuoi, anch’esso perforato da numerose gallerie sia italiane sia austriache. Un itinerario “obbligatorio” per gli interessati e gli appassionati è il giro del Lagació / Lagazuoi, percorrendo il sentiero dei Kaiserjäger in salita e le gallerie italiane in discesa.

Foto: Archive Istitut Ladin

SERVIZIO SKIBUS INCLUSO!

Servizio di ski-bus, andata e ritorno dal campeggio alla sciovia Armentarola che dista 1,5 km.

x
Trascina per navigare